Skillbook Logo
foto profilo

Categoria: Orientamento scolastico


A scuola come in un'azienda informatica, per imparare a programmare con Java e Python

Gino Visciano | Skill Factory - 02/03/2019 01:06:43 | in Orientamento scolastico

A scuola come in un'azienda informatica, per imparare a programmare con Java e Python, grazie all'accordo di Education Partner siglato tra la Skill Factory e l'ITI Renato Elia di Castellammare di Stabia.

L'obiettivo è quello di portare a scuola la nostra esperienza aziendale, per ridurre il GAP  che esiste con il mondo del lavoro.  

Al primo incontro è intervenuto anche il Prof. Carmine Ponticelli, referente scolastico dell'ITI Renato Elia, per sottolineare agli studenti ed agli insegnanti l'importanza della partnership e l'utilità del progetto.

Non è un progetto di Alternanza Scuola Lavoro, ma un'attività di formazione e laboratorio alternativa,  svolta in collaborazione con gli insegnanti d'informatica, a supporto  delle lezioni d'informatica, che prevede il coinvolgimento solo degli studenti del  e del  anno.

L'idea nasce dall'esigenza di fornire agli studenti le competenze tenche fondamentali per poter affrontare senza grosse difficoltà il mondo del lavoro dopo il diploma, competenze utili anche in ambito universitario per chi decidesse di continuare gli studi.

Per consolidare i concetti di logica di programmazione, rafforzzare le capacità di coding ed introdurre l'Object Oriented, gli studenti del  anno utilizzeranno Python, il linguaggio di programmazione che permette di creare Videogames e applicazioni per la Domotica, programmare ROBOT, analizzare  Big Data e creare Machine Learning.

Gli studenti del  anno, per imparare a progettare e sviluppare Web Application persistenti, utilizzeranno  SQL e Java, i linguaggi di programmazione maggiormente utilizzati nelle aziende IT.

Tutte le attività di laboratorio verranno fatte in modalità Smart Working, mentre le attività di comunicazione e collaborazione e le attività di e-learning, verranno svolte attraverso la piattaforma www.skillbook.it.
 
A fine anno scolastico  sia per gli studenti del  anno, sia per quelli del  anno, è prevista la certificazione delle competenza acquisite attraverso la piattaforma www.skillbook.it.

SEI DIPLOMATO O LAUREATO E VUOI LAVORARE IN UN'AZIENDA IT?
Se hai tempo non perdere tempo, consulta le nostre Offerte di Lavoro

Ricerchiamo e Formiamo Java Developer
Skill Factory, Napoli(NA)

Ricerchiamo e Formiamo Big Data Analytics
Skill Factory, Napoli(NA)
Share Button

Renato Elia - Scuola e Tecnologia per formare gli studenti e favorire lo sviluppo del Territorio

Gino Visciano | Skill Factory - 20/11/2018 00:00:01 | in Orientamento scolastico

La ricetta dell'ITI Renato Elia di Castellammare di Stabia, per favorire lo sviluppo del Territorio, è quella di formare gli studenti attraverso l'Alternanza Scuola Lavoro e l'utilizzo pratico delle Nuove Tecnologie.

A dirlo la professoressa Giovanna Giordano, Dirigente dell'Istituto, durante l'evento "Verso il futuro per il successo formativo degli studenti".
All'evento è intervenuto anche il Sindaco di Castellammare di Stabia, Dott. Gaetano Cimmino, che dopo un breve salutato, ha assistito alla presentazione dei progetti realizzati dagli studenti durante le ore di Alternanza Scuola Lavoro.

Musica, Domotica, Videogames, Robotica, Industria 4.0,  ed Artigianato 4.0, sono gli ingredienti che hanno reso la manifestazione veramente molto interessante, in particolare abbiamo apprezzato gli interventi musicali del gruppo di studenti "Unity", diretti dal professor Mario Blasio che, con il suo entusiasmo, ha dimostrato con quanto impegno gli insegnati  dell'Elia seguono i propri studenti.

All'evento eravamo presenti anche noi, per raccontare la nostra esperienza di Alternanza presso la scuola, è stata l'occasione per rivedere nuovamente i progetti  che hanno vinto la prima edizione dell'evento  Python Ideas e salutare gli studenti dell'Elia che hanno reso possibile questa fantastica esperienza.
(clicca qui per vedere le foto dell'evento Python Ideas)


T U T O R I A L S    S U G G E R I T I


Share Button

Settimana Europea del Coding!

Gino Visciano | Skill Factory - 14/10/2017 13:44:55 | in Orientamento scolastico

Danzare insieme, guidati da un programma scritto dagli studenti con Scratch, è l'originale iniziativa organizzata dagli insegnanti dell'Istituto d'Istruzione Superiore Marconi di Torre Annunziata (NA), per promuovere la settimana europea del CODING!

Il brano, ballato da tutti gli studenti, seguendo le indicazioni del computer, era l'inno ufficiale dell'evento "Ode the Code!" (clicca qui per ascoltarlo).

Dopo la danza, gli studenti e gli insegnanti, hanno comunicato la partecipazione ufficiale all'evento con progetti molti interessanti, sviluppati anche durante le attività di Alternanza Scuola Lavoro, come il "POPPEA PROJECT" realizzato in collaborazione con il MiBACT.

Per vedere il video a schermo intero spostate il puntatore del mouse sul frame e cliccate su youtube.
 

All'evento siamo stati invitati anche noi, per parlare agli studenti di "Internet delle cose", con l'obiettivo di far comprendere l'importanza del coding nell'ambito dei Big Data.
Anche se l'argomento da trattare non era  semplice, con il supporto di Excel ed un semplice esempio pensiamo di essere riusciti a trasmettre almeno i concetti fondamentali dell'IoT.  

Anche per l’edizione 2017 di Europe Code Week la Commissione Europea ha deciso di riconoscere il contributo straordinario delle scuole che riescono a coinvolgere almeno la metà dei loro alunni, rilasciando un certificato di eccellenza.  Se il tasso di partecipazione sarà superiore al 50% la scuola riceverà il certificato di eccellenza dalla Commissione Europea.

Se volete maggiori informazioni per la partecipare cliccate qui.

Per conoscere le iniziative avviate dalle altre scuole europe oppure per registrare il vostro progetto, collegativi al sito: https://events.codeweek.eu/

Inoltre vi segnaliamo anche un'altra iniziativa molto importante per le scuole, a cui vi invitiamo a partecipare:

"Firmare la petizione per chiedere all'UNESCO di riconoscere gli Algoritmi come patrimonio dell’umanità"

Per ricevere maggiori informazioni clicca qui.

 

Share Button
TOP